La crisi economica spinge le email spam


Lo spamming è aumentato in modo incredibile. Conseguenza, probabilmente, della crisi economica.


In aumento lo spam via emailOgni giorno apro la posta elettronica e nelle mie caselle arriva di tutto. Sopratutto spam. Controllo gli indirizzi di posta elettronica dell'ufficio e arrivano decine di email non richieste.

E' questo lo spam: l'invio di posta elettronica a destinatari che non hanno richiesto alcuna informazione.

Ogni giorno ne arrivano di tutti i tipi con messaggi diversi. Ultimamente, però, quelle che ricevono non sono le solite spam/phishing (per tentare di effettuare una truffa o per rubare i dati personali). Da qualche mese ricevo email di spam da parte di aziende reali, vere, esistenti.

Aziende che sono alla ricerca di clienti e che - mediante lo spamming - cercano di farsene. Nelle loro email si presentano con tanto di nome e cognome, indirizzo, sito web e propongono i loro servizi. Nonostante siano riconoscibili è comunque spam in quanto inviano email a persone che non hanno chiesto informazioni sui loro servizi.

E' chiaro e palese che la crisi economico-finanziaria e politica (incapace di trovare soluzioni da alcuni anni ormai se non aumentare le tasse) ha colpito tante piccole aziende che probabilmente non sono più in grado di spendere in pubblicità. Magari tra qualche mese sentiremo di una qualche ricerca su questo tema compiuta da chissà quale istituto di rilevazione dati o statistico. Intanto lo spam - come riferito anche da diversi lettori di Web4raw - continua.

Potrebbe essere utile, allora, chiedere l'aiuto di un web marketing specialist per sviluppare il web business aziendale e, sopratutto, evitare l'invio di email non richiesto. Una persona infastidita dalle email spam difficilmente diventerà un cliente.

Per quanto concerne le spam potete sempre includere i mittenti e/o i loro domini web nella posta indesiderata del vostro client di posta elettronica.

Master
Web Marketing Specialist
Contattami






AddThis Social Bookmark Button
x
Il canale Youtube di Web4Raw
Guarda i video di Web4Raw
SalvaSalva