Seo Certificato

Il master di Web4raw è SEO certificato

Area utenti

Iscriviti a Web4Raw commenta gli articoli e ricevi la newsletter.Gli utenti non iscritti non potranno accedere ad aree, e servizi, riservate del sito.

Leggi l'informativa privacy e cookie. Le trovi a fondo pagina nel footer.

Chi è online

Abbiamo 24 visitatori e nessun utente online

Words on Mud

Web marketing: il video virale

Web Marketing: il video per diventare virale deve essere simpatico e divertente.


L'investigatore Gallo - di Alfio D'AgataIl web marketing si avvale ormai di uno strumento fondamentale ossia il video o meglio del video virale.

Non la classica pubblicità che si vede in tv. Il video virale si diffonde da solo (virale, appunto) perché piace, diverte, rende migliore la giornata, fa sorridere, dà serenità e buonumore. I migliori video virali sono quelli che danno questi effetti.

L'importante è che si diffondano da soli o - spiego - che le persone che ne traggono "beneficio" e informazioni siano tanto entusiaste del video da "consigliarlo" ad amici su social forum, via email, bluetooth o video sharing via web o via supporti di memorizzazione.

Se un video "appassiona" allora lo si passerà agli amici in ogni modo.

Le grandi aziende hanno capito la potenzialità del video virale e si affidano a bravi registi o personaggi noti su internet per i loro video e la loro ineguagliabile simpatia.

A questo punto non rimane che presentare almeno due personaggi che hanno realizzato video virali a scopo di marketing.

Il primo è certamente il giovane e bravo regista catanese Alfio D'Agata, già noto per i suoi cortometraggi tra cui spicca certamente "Non può piovere per sempre".

D'Agata ha creato l'Investigatore Gallo (il bravo Tiziano Lepone) i cui video vanno solo su internet. Progetto voluto fortemente dalla compagnia Tiscali. Primo esperimento per il video web realizzato con mezzi e professionisti del cinema. Persino musiche e costumi sono originali.

Gallo e la sua segretaria Jessica indagano su casi strampalati e divertenti che, puntualmente, risolvono.

Nel web, specie Facebook e Youtube, ci sono già 19 video. 

Probabilmente, però, nel caso dell'investigatore bisognava puntare un po' di più sul prodotto e sulla comunicazione (web e non solo) da far ruotare intorno al personaggio e alle sue vicende.

L'altro esempio, certamente noto, di video virale sono i video di Maccio Capatonda dedicati alla lavatrice finita male con tanto di sito web dedicato. Progetto, questa volta, di Calgon.

Il video virale, dunque, sceglie la strada della simpatia, del divertimento e - nei casi citati - della professionalità nel settore televisivo o, addirittura, cinematografico.

Master



Link

 












AddThis Social Bookmark Button

Comunicazione

No Spam


Web4raw non invia via email offerte di lavoro o, ad ogni modo, email di spam. Se ricevete email indicanti il nostro dominio non rispondete: non siamo noi ad inviarle. Se volete contattarci usate il form contatti di questo sito. Grazie.


Vietato copiare gli articoli di Web4raw. Google penalizza i contenuti duplicati.


      Web4raw è anche su Virbuzz.com    


Assud | Words on Mud | Conversazioni con Fernanda Pivano | Social Bookmarking | Google+

Web4Raw è un blog personale | Copyright © 2010-2018. All Rights Reserved to Web4Raw. Riproduzione riservata

Privacy Policy Cookie Policy

x
Il canale Youtube di Web4Raw
Guarda i video di Web4Raw
SalvaSalva