Attacchi informatici a siti PDL: non sono di hacker

Ancora strafalcioni dai media italiani che dimostrano di non sapere nulla di informatica e di web ma, sopratutto, non fanno nulla per aggiornarsi.

La notizia è di pochi giorni fa: attacchi informatici contro siti web riconducibili a Silvio Berlusconi.

Fino a qui è corretta. Nulla da eccepire. Il problema, come sempre, nasce quando i giornalisti italiani devono dire da chi sono stati compiuti e siccome non c'è formazione, aggiornamento e - sopratutto - non ci sono giornalisti informatici nei giornali e nei media italiani allora l'errore è dietro l'angolo: gli autori degli attacchi sono i famigerati hacker (detto al singolare ma sarebbe hackers).

In realtà è molto molto probabile che detti attacchi, se mirati a limitare la navigazione in quei siti e ad impedire la diffusione delle informazioni del PDL ossia se l'attacco mira a rendere inutilizzabile e non navigabile il sito, è compiuto da un cracker o da un gruppo di crackers.

I giornali italiani continuano a dare informazioni su web in modo piuttosto superficiale. Basterebbe assumere un giornalista informatico. Una soluzione sin troppo semplice e sin troppo pragmatica.

Le differenze tra hackers e crackers le trovate in un articolo pubblicato qui su Web4Raw e dedicato alle figure del web (clicca qui per leggerlo).

Master

No Spam


Web4raw non invia via email offerte di lavoro o, ad ogni modo, email di spam. Se ricevete email indicanti il nostro dominio non rispondete: non siamo noi ad inviarle. Se volete contattarci usate il form contatti di questo sito. Grazie.


Vietato copiare gli articoli di Web4raw. Google penalizza i contenuti duplicati.

Web4Raw è un blog personale | Copyright © 2010-2021. All Rights Reserved to Web4Raw. Riproduzione riservata


Privacy Policy Cookie Policy