Seo Certificato

Il master di Web4raw è SEO certificato

Area utenti

Iscriviti a Web4Raw commenta gli articoli e ricevi la newsletter.Gli utenti non iscritti non potranno accedere ad aree, e servizi, riservate del sito.

Informativa Cookies

Chi è online

Abbiamo 82 visitatori e nessun utente online

Words on Mud

Google Penguin: lotta al web spamming

Penguin non è il nuovo Google ma l'aggiornamento dell'algoritmo Panda. Panico nel web ma è ingiustificato.

Google Penguin: aggiornato l'algoritmo Panda

Panico in rete. Paura nel Web. La maggior parte dei webmasters teme di subire un declassamento o una o penalizzazione da Google dopo il rilascio del corposo aggiornamento "Penguin". Aggiornamento all'algoritmo Panda e non un nuovo algoritmo. Sono due cose differenti.

Discordante anche il numero di elementi che hanno formato l'aggiornamento e questo la dice lunga su come Big G tenga nascosti i propri segreti e le proprie informazioni. Per qualcuno le release di Penguin sono state 53, per altri 52, per altri 50. Poco male. Un dato è certo: l'aggiornamento c'è stato.

Le crisi di panico sono assolutamente ingiustificate. Non è il primo aggiornamento a Google Panda. Solo nel 2012 di aggiornamenti ce ne sono stati parecchi ed è normale che accada. Il web è una specie di entità sempre in movimento, mai stabile, in continua evoluzione. Sperare in "posizioni" acquisite e immutabili è tipico di chi - di web - non capisce poi tanto. Il posizionamento organico o naturale dei siti web non è una scienza esatta. Bisogna sempre aggiornarsi.

Andiamo a Penguin.

Indice. Di sicuro è stato incrementato l'indice di Google: è cresciuto del 15%.

Penalizzazioni. Nota dolente per tanti webmaster. Google continua la sua lecita battaglia contro le tecniche di "web spamming" e di Black Hat Seo. Con Penguin saranno penalizzate ancor di più le tecniche di keywords stuffing (uso di testo e keywords nascosto) e link spamming (link nei contenuti ma non coerenti / pertinenti con essi). Non è certamente una novità che tutto ciò accada.

Il rischio maggiore per la penalizzazione, sembra, sia a carico di quei siti che fanno riferimento a sistemi di link building di scarsa qualità o a tanti scambi di link reciproci. Sono proprio curioso di vedere come si comporterà con i alcuni grandi siti che hanno migliaia di collegamenti link e che spendono considerevoli cifre in pubblicità. E' una mia peronale curiosità.

White Hat Seo. Se le tecniche applicate per il SEO dei siti rientrano tra quelle consentite, ossia del White Hat, non ci sono problemi e il panico è ingiustificato. Del resto il servizio che svolge Google è quello di offrire risultati di ricerca sempre più precisi, coerenti e pertinenti alle ricerche degli utenti. Per fare ciò deve ridurre il margine di errore e, dunque, è ovvio che tanti siti saranno penalizzati.

E' anche vero che siti che occupavano le prime posizioni nelle SERP, probabilmente, per mantenere i loro utenti dovrà fare ricorso a sponsorizzazioni e, magari, proprio ad Adwords. Qualche problema, ovviamente, ci sarà anche per tanti webmaster che dovranno cercare di spiegare ai loro clienti che Google ha aggiornato l'algoritmo e che i risultati di ricerca sono cambiati.

Cosa non fare. Evitare di avere nel web dei contenuti duplicati. Intanto fate come Web4Raw e usate il sito www.copyscape.com per verificare quali siti web copiano i vostri contenuti. Web4Raw ha inserito anche il bannerino del Copyscape e inserito il (c) Copyright su tutti gli articoli che sono a "Riproduzione riservata" (vietato copiarli e incollarli su altri siti).

Alcune release di "Penguin".

  • Cresciuto l'indice e riproposto l'indice supplementare (del 2003).
  • Miglioramento del modo in cui i termini di ricerca appaiono nelle SERP dei risultati. Verifica se e come i termini di ricerca compaiano.
  • Controlli sul Keyword Stuffing
  • Risultati più autorevoli che emergeranno rispetto ad altri
  • Horde. Basta con l'affollamento dei domini nelle SERP. Dovrebbe ridurre la presenza di uno stesso dominio ripetuto più volte nelle SERP
  • Sitelinks. Cambiamenti per ottimizzare il sistema di sitelinks di un sito in base ai contenuti proposti
  • Ricerche locali. Sembra che Google sia più propenso a dare risultati locali nelle prime posizioni. Probabilmente collegato anche alla posizione geografica dell'utente che effettua la ricerca. Sempre che, nei termini di ricerca, non sia indicata una località precisa
  • Rilevanza dei siti per Paese. La posizione dell'utente fa comprendere quanto un sito sia importante in uno Stato. Dunque alcune pagine o directory potrebbero essere più interessanti per l'utenza italiana, altre per l'utenza austriaca o svizzera. Del resto l'aggiornamento Google "Venezia" dello scorso febbraio serviva a correlare meglio il risultato ricerca in ambito locale anche se il sito non è ottimizzato in modo perfetto
  • Contenuti aggiornati spesso. I contenuti devono essere aggiornati spesso e devono essere di qualità. Quelli di bassa qualità, per quanto "freschi" non è detto che diano benefici
  • Title page. Sembra saranno preferibili title concisi e più informativi possibile
  • Backlinks. Non è chiaro se i sistemi di free backlinks o per la costruzione di link popularity porteranno ad una penalizzazione. Interpellato Voltrank, lo staff, non ci dà risposta e ci dice di attendere ciò che farà Google (dominatore - ormai - incontrastato del web). Sembra che per avere migliori risultati sia opportuno ricevere link da siti dello stesso segmento del nostro e che, magari, abbia simili o uguali keywords. Come se un sito che vende elettronica possa mai linkare un concorrente.

Nel complesso sembra che Google Penguin impatterà sul 3-5% delle query di ricerca. Dati che cambieranno in base alle realtà locali. Chiaro.

Queste le informazioni, più o meno, reperibili ad oggi su Penguin. In realtà bisognerà attendere per vedere i reali sviluppi.

 

Master

 

Nota: Google viene aggiornato tante volte. Ecco una mappa degli aggiornamenti

AddThis Social Bookmark Button

Comunicazione

No Spam


Web4raw non invia via email offerte di lavoro o, ad ogni modo, email di spam. Se ricevete email indicanti il nostro dominio non rispondete: non siamo noi ad inviarle. Se volete contattarci usate il form contatti di questo sito. Grazie.


Vietato copiare gli articoli di Web4raw. Google penalizza i contenuti duplicati.


      Web4raw è anche su Virbuzz.com    


Assud | Words on Mud | Conversazioni con Fernanda Pivano | Social Bookmarking | Google+

Web4Raw è un blog personale | Copyright © 2010-2018. All Rights Reserved to Web4Raw. Riproduzione riservata

x

ASPETTA!
.
GOOGLE CAMBIA L'INDICE PRIMARIO!
.
I siti web devono essere responsive
o avere una versione mobile!
.
Il tuo sito è pronto per il nuovo cambiamento?
.
Chiedi l'audit gratuita del tuo sito!
.
x
Il canale Youtube di Web4Raw
Guarda i video di Web4Raw
SalvaSalva