Seo Certificato

Il master di Web4raw è SEO certificato

Area utenti

Iscriviti a Web4Raw commenta gli articoli e ricevi la newsletter.Gli utenti non iscritti non potranno accedere ad aree, e servizi, riservate del sito.

Leggi l'informativa privacy e cookie. Le trovi a fondo pagina nel footer.

Chi è online

Abbiamo 22 visitatori e nessun utente online

Words on Mud

#OpIsrael: Anonymous attacca in difesa dei palestinesi


Anonymous attacca Israele e defaccia importanti siti web. Circa 100.000 obiettivi colpiti. In corso anche cyber war con hacker siriani. Due giorni fa anche un attacco al regime della Corea del Nord.


Anonymous attacca i siti israelianiPartiamo da un presupposto base. Le informazioni che arrivano dai media italiani sono poco attendibili (se danno la notizia).

Anonymous ha lanciato un grande attacco hacker verso siti strategici israeliani riuscendo a defacciarli. Qualche hacker si è spinto più in là impadronendosi di circa 30.000 numeri di carte di credito che ha diffuso pubblicamente online.

Dimostrazione di forza contro Israele dopo che, a novembre - riporta una nota del gruppo Anonymous -, aveva lanciato un'offensiva bellica contro la popolazione palestinese causando la morte di 100 persone di cui 30 bambini e ferendone oltre 1000.

Nella nota stampa, Anonymous, ribadisce come i media abbiano solo detto che Israele ha rotto la tregua (il cessate il fuoco) il 21 novembre ma non che l'ha fatto per oltre 100 volte.

Anonymous ha voluto lanciare un messaggio al governo israeliano: "You have NOT stopped your endless human right violations. You have NOT stopped illegal settlements. You have NOT respected the ceasefire. You have shown that you do NOT respect international law. This is why that on April 7, elite cyber-squadrons from around the world have decided to unite in solidarity with the Palestinian people against Israel as one entity to disrupt and erase Israel from cyberspace". (Voi non avete fermato le infinite violazioni dei diritti umani. Voi non avete smesso con gli insediamenti illegali. Voi non avete rispettato il cessate il fuoco. Avete dimostrato che non rispettate il diritto internazionale. È per questo che il 7 aprile, i cyber-elite squadroni da tutto il mondo hanno deciso di unirsi in solidarietà con il popolo palestinese contro Israele come una sola entità per distruggere e cancellare Israele dalla cyberspazio").

Il risultato dell'operazione "#OpIsrael" è che in poche ore sono state defacciati e hackerati migliaia di siti, database cancellati o resi pubblici, decine di siti istituzionali hanno subito interruzioni. Si tratta - dato assolutamente parziale - di circa 100.000 obiettivi colpiti di cui: 1.300 siti web, 40.000 pagine facebook, 5.000 twitter, 30.000 utenti di carte di credito. Persino il sito del Mossad è stato defacciato. Il danno economico pare sia di oltre 2 miliardi di dollari.

I dati sono quelli diffusi da Anonymous poco dopo l'attacco. Il post riepilogativo è sul profilo Twitter OpIsrael. Dal canto loro, i media - israeliani e dei paesi che li riprendono senza verificare la notizia - parlano di un "mezzo" flop da parte di Anonymous. Poco credibile.

Al momento, inoltre, è in corso una sorta di cyber-war tra Anonymous e gli hacker siriani. Questi ultimi hanno defacciato siti come quello della BBC e dell'Università di Harvard. Si tratta, ovviamente, di azioni - al momento - propagandistico dal forte valore simbolico. Azioni che però lasciano intendere come i nuovi scenari di guerra siano nel cyberspazio.

Dell'attacco contro il regime coreano si sa che sono state modificate le immagini dei profili Twitter e Flick dei leader. Azione propagandistica per mettere in cattiva luce la dittatura.

Master





AddThis Social Bookmark Button

AMP pages - SEO mobile

Creazione pagine AMPNon sai come creare pagine AMP sul tuo sito?
Contatta lo staff di Web4RawSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva

Comunicazione

No Spam


Web4raw non invia via email offerte di lavoro o, ad ogni modo, email di spam. Se ricevete email indicanti il nostro dominio non rispondete: non siamo noi ad inviarle. Se volete contattarci usate il form contatti di questo sito. Grazie.


Vietato copiare gli articoli di Web4raw. Google penalizza i contenuti duplicati.


      Web4raw è anche su Virbuzz.com    


Assud | Words on Mud | Conversazioni con Fernanda Pivano | Social Bookmarking | Google+

Web4Raw è un blog personale | Copyright © 2010-2018. All Rights Reserved to Web4Raw. Riproduzione riservata

Privacy Policy Cookie Policy

x
Il canale Youtube di Web4Raw
Guarda i video di Web4Raw
SalvaSalva